Lo Yogi Sri Sri Sri Satchidananda, il cui nome precedente era Acchudharamaya, nacque a Vishakapatam in una famiglia molto povera. La professione di Acchudharamaya era quella di sarto. Un giorno mentre cuciva una grossa forbice gli cadde sulla gamba, provocandogli una grossa ferita. Andò all'ospedale dove non riuscirono a curarlo. La gente del villaggio di Rajayapetta gli disse allora di andare presso un ospedale di Naturopatia. Vi andò e là lo curarono velocemente. In quel posto davano anche insegnamenti di yoga, ed il giovane si interessò molto all'argomento, tanto da decidere di restare lì. Non tornò più al villaggio, e rimase sotto gli insegnamenti di Guru Ragavendra. Dopo qualche anno, un abitante di Rajayapetta fu eletto come deputato al parlamento di Delhi e chiamò Satchidananda a insegnare. A quel tempo, egli conosceva 128 yogasana che insegnava e praticava. In seguito si trasferì a Madras dove insegnò alla comunità locale in un piccolo ashram. In seguito quella gente lo invitò in un posto più grande dove venivano un centinaio di persone al giorno, ed egli cominciò a celebrare le puja. Un giorno, un viaggiatore francese chiese al Maestro di poter essere un suo studente, e lo invitò ad insegnare in Francia. Da allora egli visitò molti paesi stranieri, per 4-6 mesi all'anno.

Sri Sri Sri Satchidananda Yogi ha reso l’anima a Dio durante la luna piena di settembre, preparandosi con un digiuno a questo viaggio di reintegrazione con l’Assoluto. Celebriamo questo encomiabile Maestro che ha continuato ad educare alla vita tanti di noi aspiranti yogi. Ora dallo spazio dello Spirito, non più vincolato dal corpo fisico, Swamiji è ancora più vicino ad illuminare il cammino.

C. F. : 90061240082
cookie policy